Marisa Zattini, Momenti contingenti - Onorio Bravi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Testi Critici
 
Cosa vuol significare Onorio Bravi...
di Marisa Zattini

Che cosa vuol significare Onorio Bravi con il titolo “Momenti Contingenti” dato a questa rassegna, - che ritorna come sigla ribadita in ogni titolo d’opera - ce lo spiega esaurientemente lui stesso nelle pagine autografe qui pubblicate. Il termine “contingente” indica ciò che non è necessario in contrapposizione, quindi, a ciò che è essenziale. 
È un qualcosa che avviene ma potrebbe anche non avere luogo: è la concretizzazione di “attimi liberi”. «Nei momenti contingenti non vi sono condizionamenti da valori, da imposizioni o da motivazioni, ma esclusivamente flash che non si interrogano, ma evidenziano, mettono in risalto il nostro immaginario» (Onorio Bravi).
L’Artista vuole evidenziare alcuni degli interrogativi esistenziali cardine dell’uomo. 
Mettendo in dubbio le cose che ci pertengono: le aggressioni fra uomo e uomo, gli assalti che l’uomo fa alla terra e che reitera nel tempo alla sua stessa specie...
Ma il termine “contingenti” può riferirsi anche alle caratteristiche mutevoli e sensibili delle cose.
“Attimi di libertà” fondanti.
“Momenti Contingenti”, riattualizza il pensiero alla memoria del “qui e ora”, alla crisi che stiamo vivendo oggi, a questa “stasi” fortemente contradditoria della nostra società attuale che non è più in grado di esprimere quelle dinamiche per le quali sarebbe necessitata. Che non garantisce più quelle libertà e quei valori per le quali l’uomo sembrava essere destinato...

Marisa Zattini


 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu